Recents

07/01/17

"Ghirighì", G. Ponce Blasco, I. Dal Canton, Passabao 2016

ghirighì
TRAMAUn uccellino in volo sente un bizzarro rumore provenire dai rami di un melo. Sembrano proprio delle risate.
Incuriosito fa una sosta su quell'alberello posto in cima al monte. Il melo è carico di succulenti frutti ai quali l'uccellino non può davvero resistere.
Ma quando ha quasi beccato una rossissima mela, ecco nuovamente riecheggiare il suono sghignazzante. Così l'uccellino si accorge che è proprio il frutto tanto ambito a ridersela a crepapelle.
Come mai? Perché tanta allegria? 
Il motivo è subito scoperto: dentro la melina sorridente c'è un vermicello scavatore che, nel costruire la sua casa, fa un gran solletico alla mela che lo ospita.

28/12/16

Le vostre domande: Potreste descrivermi come realizzare il Gioco Euristico?

gioco euristico
Salve. Sono una mamma di un bimbo di 16 mesi. Potreste descrivermi passo passo come realizzare il gioco euristico? Trovo idee contraddittorie... Chi usa una sacca. Chi diverse a seconda del materiale contenuto. Chi una cesta grande da mettere sempre a disposizione. Chi invece la propone al bimbo e altri che scelgono il libero accesso...


Con vero piacere.
La principale autrice di riferimento del "Gioco euristico con gli oggetti" è Elinor Goldschmied e, come lei stessa spiegò a suo tempo, le sue proposte pedagogiche non vanno intese come un metodo rigido e univoco.

18/12/16

"Un compleanno nella giungla", S. Miola, D. Volpari, EDT-Giralangolo (Sottosopra) 2016

Un compleanno nella giungla
TRAMA: Durante i festeggiamenti per i suoi cinque anni, i nonni regalano a Beatrice l'abito da esploratrice che tanto desiderava. La bambina è entusiasta e lo indossa subito, senza nemmeno terminare la sua fetta di torta.
Poi infila nella borsa gli strumenti necessari per affrontare qualsiasi imprevisto e saluta nonni e genitori. S'inoltra in quella che è per lei la giungla più selvaggia, cioè il giardino di casa. Nel corso di questa avventurosa traversata (in cui infine giungerà al giardino dei vicini), la fantasia di Beatrice occupa il posto della realtà. La quotidianità del suo ambiente si trasforma in un luogo esotico e tropicale.
C'è una grossa scimmia che fa ripetuti agguati alle sue spalle. Porta occhiali enormi e le offre una fetta di torta.
Beatrice si arrampica sull'albero più alto, scruta l'orizzonte e vede alcuni indigeni raccolti intorno al buffet... somigliano davvero tanto ai suoi cari...

09/12/16

Che fatica fare la mamma!

bambino rifiuta cibo
Immagine tratta da Maman pour la vie
Gioie e fatiche dell'essere genitore attraverso un'intensa conversazione avuta con una mamma che, come la maggior parte delle mamme, si trova davanti alla fatidica domanda: "starò facendo la cosa giusta?"

Cara mamma,
il piccolo M. sta mettendo a dura prova la tua identità genitoriale ma quello che stai vivendo, provando, sperimentando nel rapporto con tuo figlio è, con sfumature diverse, del tutto normale.
Il bambino appena nato dipende totalmente da chi si prende cura di lui e lo protegge dai pericoli del mondo. Dopo i primi mesi il bambino, sempre più indipendente nel movimento, raggiunge il periodo in cui il "no" diventa la parola più pronunciata dai genitori.

27/11/16

"Kro & Kra uguali ma diversi", N. Popov, Minedition 2016


kro&kra uguali ma diversiTRAMA: Il ranocchio Kra, annoiato e privo di idee, se ne sta seduto davanti alla sua abitazione nel profondo della palude.
Remando sopra una foglia galleggiante arriva dal fiume l'amico Kro. "Vuoi salpare con me?", chiede allegramente alla sua simile.
Però Kra è sì annoiato ma anche terribilmente fifone per partire all'avventura con Kro. Quando la rana vestita di rosso convince l'amico ad avventurarsi insieme, i due si avviano lungo il fiume.
Il paesaggio umido e nebbioso nasconde numerosi pericoli ed ostacoli che Kro e Kra affrontano e superano grazie soprattutto all'ottimismo del primo. 
Ed ecco che riparano l'imbarcazione danneggiata, affrontano la tempesta, superano una folata di vento - forte come un uragano - e fanno rientro a casa volando appesi ad un paracadute improvvisato. 
La cena è sul fuoco e le tute stese ad asciugare. In pigiama, comodi e al sicuro sulle loro sedie a dondolo, possono finalmente godere del meritato riposo.

25/11/16

"Lunghicapelli", B. Lacombe, EDT-Giralangolo (Sottosopra) 2016

Lunghicapelli
TRAMA: Loris è un ragazzo dai lineamenti delicati e la chioma che arriva alle spalle. Adora i suoi capelli, ama sentirli svolazzare al vento. Per questo lo chiamano Lunghicapelli, anche se, chi non lo conosce, finisce per scambiarlo per una ragazza. Ogni volta che succede Loris si infastidisce e pesta i piedi. Come se queste persone non avessero mai visto un maschio portare i capelli lunghi! 
Eppure, Loris, di uomini con i capelli lunghi ne ha un elenco pieno. Le avvincenti storie di Tarzan, Sansone, degli indiani d'America, del re Sole, d'Artagnan, Conan, Thor, Sandokan e Capitan Harlock, fanno parte delle sue passioni.