Recents

17/08/12

Come preparare il Cestino dei Tesori - II parte

cestino dei tesori
Immagine tratta da "Il blog di NewBabyBerry"
Avete letto la I parte dedicata al Cestino dei Tesori? Avete iniziato a raccogliere l'occorrente per allestire il gioco? In questo nuovo articolo scoprirete quale materiale cercare e in che modo proporre il cestino ai vostri bambini.
La lista degli oggetti definita dalle pedagogiste E. Goldschmied e S. Jackson è il nostro principale riferimento per riempire la cesta. Tuttavia, una volta compreso l'intento del gioco, l'elenco diventerà più ampio e personalizzato. 
Partendo dall'osservazione del bambino piccolo si può comprendere verso quali oggetti egli attivi un sincero interesse (tra quelli lavabili, sicuri, senza parti taglienti e tossiche). Il cestino potrà anche essere allestito ad hoc per quello specifico bambino (o gruppo).
Per facilitare l'individuazione del materiale del gioco, abbiamo creato un collage di immagini rappresentanti gli oggetti descritti.


Come giocano i bambini al Cestino dei Tesori?

Il cestino viene proposto durante un periodo della vita del bambino/a caratterizzato da una forte inquietudine e impazienza. Questo stato d'animo è conseguente al veloce sviluppo psico fisico, alla crescente curiosità verso l'ambiente e alla progressiva conquista di nuove abilità motorie.
I momenti che trascorrono tra pappa, sonno e veglia sono sempre più lunghi. Il bambino ha ora bisogno di occuparsi di attività che gli consentono di fare numerose scoperte.




In quest'epoca il cervello del bambino è in grado di assorbire, attraverso l'esperienza sensoriale, il flusso di stimoli proveniente dall'ambiente esterno. Quando non riesce a soddisfare questa spinta verso l'esplorazione (ad esempio, non può raggiungere gli oggetti desiderati, per impedimento motorio o per divieto degli adulti) manifesta uno stato di agitazione e frustrazione. Allunga le braccia e contemporaneamente muove le dita come per afferrare qualcosa, allarga e tende gli arti, diventa nervoso e ingestibile.

A tal proposito, il Cestino dei Tesori offre al bambino piccolo la possibilità di agire in uno spazio esclusivo con gli oggetti del mondo reale capaci di catturare la sua attenzione e dei quali può fare esperienza attraverso il tatto, la vista, il gusto, l'olfatto, l'udito e il movimento.
Quando si trova seduto accanto al cestino, il bambino/a inizia spontaneamente a giocare: afferra un oggetto, lo osserva, lo tocca, emette dei suoni, porta l'oggetto alla bocca, lo lecca, lo lascia cadere, lo spinge con i piedi, ne sceglie un altro dalla cesta, riprende l'oggetto di prima, lo porge a qualcuno, e così via. Quello che possiamo osservare è che, per tutta la durata della sua attività, appare soddisfatto, concentrato e attivo.

L'adulto che si occupa di lui o di un gruppo di bambini ha, durante il gioco, il compito di garantire la sua presenza premurosa e rassicurante, facendo attenzione a non interferire nell'attività del bambino.
Lo stato d'animo di un bambino costantemente interrotto da incoraggiamenti e/o suggerimenti (come l'esortazione a prendere un oggetto, il verbalizzare continuamente le sue azioni o l'incitamento con i vari "bravo", "continua", "bene", ecc.) è simile a quello che possiamo provare quando siamo occupati in qualcosa che ci interessa particolarmente e qualcuno continua a disturbarci.
Impegnati ad esplorare gli oggetti messi a loro disposizione nel cestino, i bambini cercano di comprendere "cosa sono" quelle cose. Il loro grado di concentrazione e attenzione è davvero sorprendente. Osservando il loro comportamento possiamo intuire quand'è il momento in cui hanno bisogno di condividere con noi l'esperienza, ad esempio se ci guardano, ci offrono un oggetto, ci sorridono o ci vengono incontro.
Una risposta attenta, premurosa e poco invadente, sarà il sostegno emotivo adeguato ad incoraggiare e proseguire nel gioco.


Lista del materiale per il gioco del Cestino dei Tesori

Il Cestino dei Tesori si riempie fino al bordo per consentire al bambino/a di scegliere tra un'ampia gamma di oggetti. Il materiale scelto garantisce l'esperienza sensoriale in quanto attiva i processi di percezione e di conoscenza del mondo. Per questo gli oggetti di plastica o sintetici sono caldamente sconsigliati, essendo fin troppo presenti nei giochi commerciali e scarsamente adatti a suscitare particolari sensazioni.


OGGETTI NATURALI:


cestino dei tesori
Pigne di conifere di diverse misure, grossi ciottoli, conchiglie (di dimensione medio-grande, ndr), piccole zucche essiccate, grosse castagne, piume grandi, pietra pomice, tappi di sughero di grandi dimensioni, noccioli di avocado, grosse noci, pezzi di luffa (fibra naturale usata per il bagno), una piccola spugna naturale, un limone, una mela, guscio della noce di cocco pulito e limato (ndr).




cestino dei tesori
OGGETTI DI MATERIALI NATURALI:

Palla di lana,  piccoli cestini, anello di osso (tipo quello degli "ossi buchi") calzascarpe di osso, un sottobicchiere di paglia, spazzolino da unghie in legno, spazzolino da denti, pennello da barba, spazzolina per le scarpe, pennello da imbianchino, manici di borsa di bambù, pennello per il trucco, pon pon (ndr).






cestino dei tesori
OGGETTI IN LEGNO:

Scatolette foderate di velluto, piccolo tamburo con l'intelaiatura di legno, sonagli di diversi tipi, fischietto di bambù, nacchere non dipinte, mollette da bucato di due tipi, grosse perle colorate e infilate, cubi - pezzetti di legno lisciati, cilindri: rocchetto, bobina per il cotone, grosso anelo da tenda non verniciato, portatovagliolo, cucchiaio o spatola, portauovo, ciotolina, pettine in legno (ndr), mestolino per il miele (ndr).






cestino dei tesori
OGGETTI IN METALLO:

Cucchiai di varie dimensioni, una frusta da cucina, mazzo di chiavi, scatole di metallo dagli orli arrotondati, piccolo portacenere, trombetta, formine per dolci, spremiagrumi, rocchetto per macchina da scrivere, piccolo imbuto, grossi anelli da tenda in ottone, piccola armonica, spremiaglio, fischietto, scovolino per biberon (curvo e senza punte che graffiano), specchietto con cornice di metallo, fermaglio per la carta, portachiavi legati insieme, mazzo di campanelli, triangolo musicale, portauovo, scatoline di latta sigillate contenenti riso, fagioli, ghiaia, etc., colino per il tè, coperchi di metallo (di tutti i tipi), bicchierino di metallo, pezzi di catena di diverso tipo, campanello per bicicletta, tappo grande di bottiglia di profumo, infusore per il tè, catene bigiotteria, filtro caffettiera (ndr).



cestino dei tesori
OGGETTI IN PELLE, TESSUTO, GOMMA, PELO:

Collarino per animali domestici, borsellino di pelle, piccola borsetta in pelle con cerniera, uova di marmo, "pallina magica" di gomma piena, piumino di velluto per cipria, pallina di pelliccia, pezzi di tubi di gomma, bambolina di stoffa, palla da tennis, palla da golf, portagioie in pelle, borsellino di perline, tappo da vasca con catena, piccolo orsacchiotto di stoffa o peluche, sacchettini di tessuto con lavanda, rosmarino, timo, chiodi di garofano, ben cuciti.
cestino dei tesori

CARTA, CARTONE:

Piccolo block notes con spirale, carta oleata, scatolette di cartone, cilindri di cartone della carta per cucina o interni di rotoli della carta igienica robusti.
(Per il materiale di carta va posta particolare attenzione in quanto si potrebbe sciogliere in pezzetti con la saliva del bambino, ndr).


Torna alla I parte


E. L.


Photo Credits: vitazerotre.com (tutti i diritti riservati)










25 commenti:

  1. Grazie per la spiegazione chiara e l'elenco che dà molti spunti... sto preparando il cestino dei tesori per il mio bimbo di 7 mesi e ho preso ispirazione da qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero un piacere! Se ti va, potrai raccontarci l'esperienza del tuo bambino con questo gioco. Sicuramente rimarrete piacevolmente colpiti dalla sua capacità di concentrazione!

      Elimina
  2. L'idea è meravigliosa ma alcuni oggetti mi sembrano poco sicuri visto che i bimbi mettono tutto in bocca! Boh a mia figlia di 6 mesi non metterei a disposizione piume ciottoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Le tue perplessità sono del tutto naturali ma posso garantirti che quando gli adulti riescono ad interiorizzare la filosofia di questo importante gioco, non lo trovano affatto pericoloso! Il bambino di 6 mesi ha bisogno di esplorare gli oggetti anche attraverso la bocca. E' una fase importante del suo sviluppo cognitivo. Così, la pedagogista Elinor Goldschmied ideò questo gioco (realizzato poi con successo da numerosissime strutture per l'infanzia) proprio partendo dall'osservazione dei bambini. Certo nessuno di noi permetterebbe al proprio bambino di mettere in bocca qualsiasi oggetto trovato a caso. E' proprio questa la rivoluzione del cestino: oggetti reali, interessanti e ricchi di stimolazioni, raccolti in un contesto sicuro e sotto l'occhio vigile dell'adulto di riferimento (giocare liberamente non significa senza sorveglianza). Se ti va di approfondire puoi cercare i video di Vita03 su youtube oppure scriverci per maggiori informazioni sull'organizzazione del gioco. Alcune domande test verificano se gli oggetti proposti sono sicuri o meno: - Hanno pezzi sporgenti/taglienti? - Hanno parti che possono staccarsi ed essere troppo piccole? - Sono facilmente lavabili? - Possono realmente essere ingoiate? (se non riesco a ingoiarlo io che sono adulto, può riuscirci un bambino così piccolo?) - Il bambino che non cammina ha realmente una forza tale da scagliare, lanciare, tirare un oggetto e farsi o fare male a qualcuno?

      Elimina
  3. scusa per fare la cesta dei tesori mi occorrono 6 ceste per dividere tutto a gruppi o no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, la cesta è una sola e al suo interno metti una selezione di oggetti fatti con diverso materiale (puoi attingere dai gruppi dell'articolo: oggetti naturail - oggetti di materiali naturali - oggetti in legno - oggetti in metallo - oggetti in tessuto.. - oggetti in carta).

      Elimina
  4. ho capito allora faccio una cesta con diversi tipi do materiali NATURALI un'altra domanda hai scritto alla prima parte cestino dei tesori che servono anche due o tre sacchetti di stoffa queste servono solo per mantenere i materiali da ricambio in modo che ad esempio una volta a settimana cambio contenuto della cesta? Dimmi se ho capito bene

    cmq un blog bellisimo sinceri COMPLIMENTI!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto! Riguardo i sacchetti, si tratta di un consiglio per conservare il materiale raccolto e la scorta, ma ovviamente é facoltativo. Se preferisci puoi tenere gli oggetti in un contenitore, un baule ecc.. L'importante é che di tanto in tanto rinnovi la cesta ed elimini ció che è usurato. Mi fa piacere che gli articoli ti siano utili e che condividi queste attività!

      Elimina
  5. Ho un bimbo di 8 mesi e sto raccogliendo tutto! Grazie per i consigli, molto utili soprattutto per l'organizzazione del gioco e la "conduzione" da parte dell'adulto!

    Vorrei però un consiglio: da circa un mese che ho iniziato a far fare ad Andrea un gioco di manipolazione con la farina gialla e ho notato che la sua voglia di giocare varia molto in termini di tempo. Diciamo dai 15 minuti ai 30-40. Immagino che non ci siano particolari vincoli... ma mi chiedevo se sia necessario, almeno all'inizio, partecipare un pochino al gioco del cestino dei tesori per far sì che si appassioni al gioco, oppure vada lasciato completamente libero e interrrompere l'attività anche dopo pochi minuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene!
      Proprio così! L'attenzione dipende da molti fattori (ad esempio se il bambino è più o meno riposato, se è davvero interessato all'attività o preferisce fare altro, se è distratto da qualcos'altro, ecc...). L'unico indice realmente valutabile dovrebbe essere la "curiosità verso il mondo" (l'assenza dunque di un atteggiamento apatico).
      Dopodiché le nostre proposte di gioco saranno per lui un'occasione per vivere delle esperienze nuove e piacevoli e uno stimolo alla crescita psico-motoria.
      Non dimentichiamoci mai delle competenze innate dei bambini. Fin dalla nascita (e forse prima!) sono infatti in grado di interagire, relazionarsi ed esplorare autonomamente il loro ambiente.

      Durante il gioco del Cestino dei Tesori non è necessario che l'adulto dia suggerimenti al bambino o gli offra oggetti. Vedrai che inizierà a giocare da sé (anche se per pochi minuti), proprio perché quest'attività nasce dall'osservazione dell'esplorazione libera del bambino.
      Le prime volte siediti anche tu accanto al cestino come il tuo bambino. La tua presenza tranquilla e attenta infonderà in lui la fiducia per iniziare ad esplorare gli oggetti, gli offrirai in tal modo "l'ancora emotiva" che gli permetterà di imparare giocando.

      Aggiornaci su come procede!

      Elimina
  6. ciao
    la mia piccola ha 8 mesi e da due mesi gioca felicemente ogni giorno con la cesta dei tesori.

    questo tuo elenco è molto bello ed è immediato anche grazie alle belle foto che raggruppano gli oggetti per tipologia di materiale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, grazie per il tuo feedback! I vostri commenti sono davvero utili per potervi dare le informazioni nella maniera più chiara possibile. Se può interessarti sul nostro canale youtube trovi i video sul cestino dei tesori che mostrano il gioco di un bambino di 6 mesi e di 8 mesi.

      Elimina
  7. Complimenti per l'articolo! Voglio realizzare il cestino dei tesori ma mi manca la materia prima: la cesta! :D Sono alla ricerca di un cestino con una struttura stabile e robusta che rispecchi le dimensioni descritte dalla Goldschmied. Dove posso trovarla? In negozi come Mandacarù/Altroconsumo, Casa di Bambù, Obi, Eurobrico c'è qualcosa?
    Grazie,

    Viviana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vivy! Cerca le ceste impagliate anziché in vimini; al contrario di queste ultime non perdono pezzi, sono più robuste e non sei costretta a rivestirle con la stoffa. La cesta visibile nei video è stata acquistata nei negozi "AltroMercato" (Commercio Equo e Solidale) ad un prezzo moderato (puoi trovarla anche su internet, reparto cesteria: http://www.altromercato.it/flex/FixedPages/Common/cat.php/L/IT/art/art-40049284). In alternativa cerca nei mercati di oggettistica, in qualche e-commerce, o nei garden. Buona preparazione!

      Elimina
  8. Ciao grazie X ilvostro sito!fino a che etá ha senso proporre il cesto dei tesori?
    Luana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gent.le Luana, il Cestino dei tesori è un'attività che risponde alle esigenze dei bambini da, indicativamente, 6 mesi all'anno (ovvero da quando sono in grado di stare seduti e fino a quando ancora non camminano). Nel momento in cui il bambino/a inizia a spostarsi, gattonando, camminando, vorrà invece compiere dei piccoli "esperimenti" con le cose (il gioco pensato per questa fase successiva è "il gioco euristico con gli oggetti").

      Elimina
  9. Salve, trovo molto interessante tale metodologia se non altro perche' permette ai piccoli l'esplorazione di tanti oggetti. E se e' pur vero che vi e' comunque la presenza di un adulto, leggendo alcuni oggetti presenti nel '' cestino dei tesori '', ci sono oggetti che possono facilmente essere ingeriti dai pargoli..........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve! L'obiettivo è proprio quello di offrire al bambino la possibilità di fare esperienza con oggetti veri, in una situazione sicura e tutelata.
      Accolgo la sua obiezione sulla pericolosità di alcuni oggetti. La sicurezza non deve mai essere sottovalutata e deve essere il nostro principale criterio per selezionare gli oggetti destinati al Cestino dei Tesori.
      Se si ha un dubbio su un oggetto piuttosto è meglio escluderlo dalla lista. E' però anche necessario non essere eccessivamente prudenti e timorosi.
      La stessa Elinor Goldschimied scrisse: "Se ritenete che un oggetto possa essere ingoiato, mettetevelo in bocca e vedete se potreste riuscire a mandarlo giù. Probabilmente vi renderete conto che è praticamente impossibile".
      In un altro punto sottolinea che: "Il principale fattore di protezione è la limitata capacità dei bambini di questa età. Essi possono scuotere un oggetto, raccoglierlo, lasciarlo cadere, ma non riescono a lanciarlo né a infilarlo. (...) La situazione cambia in presenza di bambini più grandi, e gli oggetti devono essere selezionati tenendo conto di questo criterio. I bambini seduti al Cestino dei Tesori devono sempre essere controllati e non devono stare accalcati."

      Elimina
  10. Davvero molto interessante l articolo! Ho un dubbio, come posso lavare e rendere quindi sicuri le cose in pelle? Mi spiego meglio: come posso igenizzarle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendi per il trattamento che possono aver subito durante la concia? Ho saputo (purtroppo non me ne intendo) che spesso vengono usate sostanze chimiche, potenzialmente tossiche, (non so se la cara Elinor Goldschmied ne fosse a conoscenza). Nel dubbio eviterei di usarle, a meno che non si conosce la provenienza. Per igienizzare invece è sufficiente lavare gli oggetti come si fa con gli altri giochi. Se sono utilizzati da più bambini si possono utilizzare prodotti specifici (quelli per sterilizzare ciucci e tettarelle). A casa invece non è indispensabile, basta lavarli di tanto in tanto con acqua e sapone. Ovvio alcuni oggetti (tubi di cartone, mela...) vanno sostituiti.

      Elimina
  11. tutto molto bello ma l'80% di quelle cose sono assolutamente inadatte per un bimbo, o per dimensione, forma, o per l'impossibilità a igienizzarle. sfido qualcunque genitore a stare tranquillo pensando al proprio figlio di 7 mesi con a disposizione delle chiavi, una pigna, una conchiglia. Non sono contraria che i bambini si facciano un po' di anticorpi ma andare a fargli succhiare delle robe così zozze mi sembra proprio esagerato.. Poi è molto contradditorio: enfasi sui materiali naturali ma metà di quelle cose non sono più naturali della plastica (che se è pensata per i bambini non stinge, non c'è rischio che si scheggi, ecc.) Tante cose darebbero fastidio anche ad un adulto in bocca! La verità è che ora va di moda riscoprire le cose "di una volta" e dire che si possono mettere dei giocattolini da tirare fuori da un cesto, si tirano in ballo le teorie pedagogiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve, accogliamo il suo parere anche se, per le ragioni che abbiamo più volte spiegato nel divulgare questo tipo di proposte rivolte al gioco dei piccoli, non possiamo condividerlo.
      In particolare, il gioco del Cestino dei Tesori non esclude di certo la supervisione dell'adulto nel materiale offerto.
      Tutto il materiale scelto deve essere pulito e sicuro.
      Se si pensa che la maggior parte dei bambini piccoli, nonostante i "no" degli adulti, mette in bocca ciò che più di interessante offre l'ambiente (e non soltanto giocattoli), perché allora non dargli l'opportunità di conoscere questi oggetti in un contesto reso sicuro?
      Ha parlato dell'impossibilità di igienizzare gli oggetti. Se ne avessi la possibilità chiederei un'alzata di mano a tutti i genitori che quotidianamente sterilizzano i giochi dei loro bambini. Se così fosse ci sarebbe certamente il "tutto esaurito" di amuchina al supermercato!
      In generale, sempre se non viviamo in un luogo altamente contaminato, tra le mura domestiche reputo sia sufficiente una normale pulizia più che una sterilizzazione (per i discorsi risaputi sulla formazione del sistema immunitario, ecc... ecc...).
      Ad ogni modo, ogni genitore ha la possibilità di scegliere ciò che crede sia meglio per il proprio bambino.
      Il nostro intento è quello di dare valore ad alcune pratiche che, esperienza conferma, offrono l'opportunità al bambino di poter giocare in maniera libera e spontanea, nel rispetto delle sue innate competenze.
      Ciò che vorremmo trasmettere è l'attenzione sull'attività di gioco più che sul giocattolo, poiché è proprio nel giocare - e non nell'avere a disposizione un'infinità di giochi - la vera esperienza di crescita che fanno i bambini.

      Elimina
  12. Ciao io ho scoperto tardi il cestino dei tesori, cosa posso organizzare x una bambina di 20 mesi? Giuliano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Giuliano,
      all'età della sua bimba può organizzare uno spazio per il gioco simbolico (far finta di... cucinare, aggiustare, telefonare e altre attività che i bambini osservano dagli adulti e ripropongono nel gioco ), motorio (entrare e uscire da uno scatolone, dal cerchio - tipo quello dell'hula hop -, salire e scendere, correre, rotolare...), giochi che sostengono la motricità fine (travasi, incastri...) e giochi all'aria aperta e con l'acqua. Trova altri suggerimenti qui:http://www.vitazerotre.com/p/ludoteca_2.html (giochi 2° anno). Se desidera approfondire può scriverci nuovamente!

      Elimina
  13. I prodotti eccezionali rendono migliore la vita di tutti i giorni. Scopri porta bicchierini di legno. Vai su http://www.vitalbios.com/A/MTQ3NDczNTM0MiwxMDAwMDA1LHBvcnRhLWJpY2NoaWVyaW5pLWRpLWxlZ25vLmh0bWwsMjAxNjEwMjIsb2s=

    RispondiElimina

I vostri commenti nutrono il blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...