Curiosando nella borsa della mamma

illustrazione di ester listì

Vi è mai capitato, magari mentre stavate chiacchierando con un’amica, di scoprire il vostro bambino/a intento a curiosare nella vostra borsa e a tirare fuori tutte le cose che trova al suo interno?

Chissà come deve essere magica per lui/lei la borsa della mamma, e chissà quanti tesori da scoprire contiene!
La borsa della mamma è un gioco che favorisce la naturale propensione del bambino/a ad esplorare gli oggetti del suo ambiente.
L’idea di organizzare una borsa della mamma come attività ludica, nasce proprio dalla curiosità che i bambini hanno sempre mostrato nei confronti di questo misterioso contenitore che le mamme si portano appresso.
Prendendo spunto dal loro interesse possiamo quindi preparare una speciale borsa della mamma destinata esclusivamente al gioco dei bambini.

 

 

 

Il gioco è pensato per i bambini dai 10 mesi in avanti e può essere considerato un’attività propedeutica al gioco simbolico (“fare finta di”) e di imitazione. In un primo momento i bambini saranno soprattutto interessati a frugare tra gli oggetti che trovano nella borsa. Dopodiché inizieranno a giocarci imitando l’uso che ne fanno gli adulti. Ad esempio, indosseranno la borsa sulla spalla, si specchieranno, faranno finta di rispondere al cellulare, di prendere il portafoglio per pagare e così via.
Anche quest’attività viene organizzata utilizzando materiale recuperato tra le mura di casa, facendo come sempre attenzione a selezionare soltanto oggetti adeguati, che non mettono a repentaglio l’incolumità del piccolo/a.
Come preparare la borsa della mamma
Per prima cosa, care mamme, nonne, zie…, procuratevi una borsa abbastanza spaziosa e semirigida, preferibilmente nel modello bauletto. E’ importante sceglierne una tra quelle che già possedete, non solo per motivi di economia, ma soprattutto per offrire al bambino/a un riferimento al reale, anziché un oggetto stereotipato.
la borsa della mamma
Dentro la borsa il bambino/a potrebbe ad esempio trovare:
 – un portafoglio e, al suo interno, delle tessere plastificate (con gli angoli arrotondati). Ad esempio le carte fedeltà di alcuni negozi e supermercati;
– un portamonete o un borsellino. Possiamo spaziare tra le diverse tipologie di chiusura: con la cerniera, la calamita, il bottone, i tasti dei modelli vintage, ecc.;
– un mazzo di chiavi con portachiavi;
– un paio di occhiali con la custodia (se graduati togliere le lenti);
– uno specchietto;
– una spazzola o un pettine;
– un telefono cellulare vecchio (avendo cura di togliere la batteria);
– un fazzoletto di stoffa;
– un’agenda di piccole dimensioni;
– una limetta per le unghie in cartone;
– un pennello per il trucco;
– una scatolina delle caramelle in metallo;
– un flacone vuoto dello shampoo  (schiacciandolo esce l’aria profumata!).

 

E’ possibile allestire lo stesso gioco modificando semplicemente il soggetto del contenitore da esplorare. Possiamo così preparare “la valigia per viaggiare”, “la borsa della spesa”, “il borsello di papà”, eccetera, eccetera, eccetera!

Ora potete permettere che il vostro bambino frughi quanto gli pare nella borsa della mamma!

 

E. L.


Photo Credits: vitazerotre.com (tutti i diritti riservati)

Related Post

Come gioca il bambino nel...

Il gioco è un’attività spontanea intrapresa dall’individuo fin dal momento della...

Come gioca il bambino nel...

Superato l’anno di età i bambini tendono ad abbandonare l’interesse verso i...

Come gioca il bambino nel...

Come crescono in fretta i bambini! Dal secondo al terzo anno di vita iniziano ad...

Come preparare il Cestino dei...

Il gioco del Cestino dei Tesori (E. Goldschmied, v. art. 0-1 Come si gioca?) è stato...

Come preparare il Cestino dei...

Avete letto la I parte dedicata al Cestino dei Tesori? Avete iniziato a raccogliere...

Giocare con le...

Il gioco proposto in questo articolo è l’equivalente “artigianale” dei...

4Comments

Leave a Comments