“Dieci dita alle mani, dieci dita ai piedini”, M. Fox, H. Oxenbury, Il Castoro, 2008

TRAMA: Puoi essere nato lontano oppure vicino, in città oppure in un prato. 
Puoi nasconderti coperto da un piumone o avere il raffreddore. 
Puoi vivere in un paese freddo oppure in uno molto caldo. Eppure, anche tu, come tutti i bambini, hai dieci dita alle mani e dieci ai piedini!
dieci dita alle mani dieci dita ai piedini

Dieci dita alle mani, dieci dita ai piedini è una bellissima storia che affronta il tema dell’educazione interculturale attraverso la tenerezza dei bambini.

Cosa c’è di più dolce delle dita paffute dei bambini? E’ davvero difficile resistere alla morbida buffezza delle loro manine e dei loro piedini.
Fox e Oxenbury – definite da Publishers Weekly come due titani dei libri per l’infanzia – hanno sicuramente centrato l’obiettivo nel trasmettere al lettore la gioia che i bambini sanno portare in ogni angolo del mondo, al di là delle diversità etnico-culturali.

Saper vivere in società multiculturali diventa di fondamentale importanza in vista di un futuro in cui le differenze cessino di essere un ostacolo per trasformarsi in risorsa. Allora avremmo conquistato la vera intercultura.
L’idea della diversità viene trasmessa presto dagli adulti ai loro bambini. Dunque, se liberarsi da fuorvianti pregiudizi è faticoso per noi grandi, l’impegno deve diventare quello di non trasmetterli alle nuove generazioni.

dieci dita alle mani dieci dita ai piedini

 

Il racconto utilizza una semplicissima argomentazione per parlare di uguaglianza, il fatto che tutti noi, ovunque nasciamo, siamo molto simili: abbiamo dieci dita alle mani e dieci ai piedini.
Così, con una semplicità talvolta disarmante, l’autrice presenta al lettore un prezioso messaggio di umanità e tolleranza.

 

 

dieci dita alle mani dieci dita ai piedini

L’aria familiare di questo adorabile e multietnico gruppetto di bambini accompagna i piccoli in quella che possiamo definire come una lettura-coccola. Un perfetto racconto della buona notte, ben ritmato, che fa uso di parole semplici e familiari, pronto a diventare una filastrocca da cantare anche in assenza del testo.

 

dieci dita alle mani, dieci dita ai piedini

 


Photo Credits: web