“Sulla collina”, L. Sarah, B. Davies, EDT-Giralangolo 2015

TRAMA: L’estate, il cielo sereno e i giochi all’aria aperta; così Uto e Leo, amici per la pelle, passano insieme il loro tempo sulla collina. Due grosse scatole di cartone portate da casa fanno da scenografia agli infiniti giochi di fantasia. Re, soldati, astronauti e pirati: l’immaginazione non ha limiti per due grandi amici come loro.
Un giorno arriva Samu. Da tempo osserva i due bambini giocare, desideroso di unirsi a loro. Ora possiede una scatola abbastanza grande, si è fatto coraggio ed è salito sulla collina. Leo accoglie con gioia il terzo amico.
Anche Uto sembra entusiasta della nuova compagnia, finché uno strano sentimento non prende il sopravvento: è triste nel vedere il suo compagno di giochi così affiatato con Samu. Tornato a casa Uto distrugge la sua scatola, non vuole più andare sulla collina.
Nonostante Leo e Samu passino spesso a chiamarlo, lui non ne vuole proprio sapere e rimane da solo nella sua cameretta…  In realtà i momenti passati con Leo gli mancano molto.
Anche Leo e Samu sentono la sua mancanza e decidono di fargli una sorpresa: costruiscono un’enorme e accessoriata scatola su ruote per l’amico! Uto, meravigliato, torna a giocare sulla collina, dopotutto anche Samu è gentile, divertente, audace e coraggioso… La condivisione a due è finalmente diventata una divertentissima condivisione a tre.

sulla collina edt

 

 

Durante l’infanzia l’esperienza di gioco, necessaria e piacevole per ogni bambino, diventa sempre più strutturata e organizzata. Dal terzo anno di vita in poi si manifesta una particolare modalità di gioco, definita sociale: i bambini sono ora in grado di interagire tra di loro, cooperare, stabilire regole e ruoli ed anche entrare in competizione e conflitto. E’ il momento in cui cercano assiduamente la compagnia dei coetanei.

Benché legate all’infanzia, queste esperienze hanno anche un’importante valore formativo e influiscono sullo sviluppo della personalità. Attraverso il gioco sociale i bambini interiorizzano modelli comportamentali e imparano a stare con gli altri: creano dunque le basi per le competenze sociali future.

Il rapporto tra pari è unico e carico di sentimenti. Chi di noi non ricorda le amicizie dell’infanzia, i pomeriggi all’aria aperta passati a inventare giochi, a ridere, scherzare, litigare e fare pace?

Sulla collina è tutto questo, un racconto sui sentimenti che ruotano intorno all’amicizia e che la condivisione, il gioco e il tempo passato insieme, non fanno altro che intensificare.
Il protagonista del racconto sperimenta le varie sfumature dell’essere amici, anche quelle meno piacevoli: gelosie, incomprensioni e antipatie minacciano serenità e spensieratezza.

E’ questa una lettura che favorisce sicuramente l’immedesimazione con le emozioni che nascono proprio dalle interazioni fra pari, in un momento della vita in cui, i bambini ascoltatori, le stanno sperimentando nella loro quotidianità.

Al nido d’infanzia il racconto può essere proposto ai bambini coinvolti nel passaggio nido-materna, età nella quale il gioco sociale inizia a manifestarsi. Nella scuola per l’infanzia la lettura accompagna piacevolmente i vissuti dei bambini.

In conclusione possiamo osservare come da sempre i bambini identificano tra i coetanei il cosiddetto “migliore amico”. Con questo instaurano una relazione diadica e quasi esclusiva. La storia di Uto e Leo racconta ai piccoli lettori un diverso significato di amicizia dove si può stare bene anche in gruppo e dove ogni amico diventa unico e speciale.

 

sulla collina ed

 

sulla collina edt

 

sulla collina est

Sulla collina è vincitore del premio ANDERSEN la rivista e premio dei libri per ragazzi per la categoria Miglior libro 0/6 anni – 2016, con le seguenti motivazioni: “Per la semplicità di un racconto capace però di mettere al centro grandi temi nella crescita di un bambino: dall’amicizia al valore del gioco, dalla gelosia alla condivisione. Per una delicata e luminosa rappresentazione della natura. Per la bellezza e la vivacità dei disegni di Davies”.

 

 
Photo Credits: edt.it
 
 
 
 

Related Post

“Che brutte abitudini,...

Pierino vorrebbe fare tutte quelle cose che non piacciono ai grandi.  Mangiare con il...

“Pappamolla”, S....

Il coniglietto Simone ha fabbricato un razzo altissimo quando all'improvviso la sua...

“Il ciuccio di...

TRAMA: Ogni bambino che usa il ciuccio si trova, prima o poi, ad affrontare la richiesta...

“Caccapupù”, S....

TRAMA: Il piccolo coniglio Simone sa dire solo la parola “Caccapupù” e con...

“Papà!”, P....

TRAMA: “Papà, papà, c’è un mostro nel mio letto!” – grida il...

“Chi me l’ha...

TRAMA: Stava uscendo dalla sua tana quando, una piccola Talpa si trova a fare i conti...

Leave a Comments