Recents

20/06/15

Il barattolo che torna indietro: la permanenza dell'oggetto

barattolo che torna indietro
Per un bambino molto piccolo ciò che scompare dal suo campo visivo smette di esistere.
Poi, verso l'ottavo mese, è in grado di ricreare nella memoria i visi e gli oggetti dei quali ha avuto ripetuta esperienza. Immagini e ricordi cominciano a permanere ed evocano piacevoli sensazioni. Si tratta del fenomeno conosciuto come permanenza dell'oggetto: il bambino/a comprende gradualmente che ciò che non è più visibile non svanisce ma può semplicemente trovarsi in un altro posto.
Ci sono alcuni giochi che agevolano i bambini durante questa fase dello sviluppo cognitivo. Ad esempio gli oggetti che rotolano, che "vanno via" - una palla, un cilindro... - e che sono in grado di fuggire dall'esperienza visiva, per poi riapparire (inizialmente attraverso la collaborazione dell'adulto che partecipa al gioco, in seguito sarà il bambino/a stesso a seguire il tragitto dell'oggetto).




Rotolare, spingere e osservare l'effetto provocato sono esercizi spontanei effettuati dal bambino/a già nel primo anno di vita. Queste attività lo aiutano a comprendere la permanenza oggettuale (concetto che si completa tra i 15-18 mesi)

Abbiamo pensato di costruire il barattolo che rotola e torna indietro (video) per favorire questa fase dello sviluppo cognitivo. Un gioco in realtà tratto dai percorsi scientifici-didattici proposti ai bambini della suola primaria, rivolti alla scoperta dei principi della fisica attraverso l'esperienza diretta. I bambini più grandi costruiscono l'oggetto assemblando i vari elementi, dopodiché sperimentano il particolare moto fino a dedurne i principi della fisica. 

Per i bambini più piccoli l'obiettivo del gioco è invece quello di sperimentare il movimento di questo oggetto che, quando viene spinto sul pavimento, a un certo punto torna indietro autonomamente.  Dunque continua ad esistere.


Ecco come costruirlo:

Barattolo che rotola e torna indietro
Occorrente per il barattolo che torna indietro
Cosa occorre per realizzare il Barattolo che rotola e torna indietro:

Materiale:
1 barattolo in metallo con coperchio
1 vite per forare il barattolo
1 elastico lungo il doppio del barattolo
1 dado di bullone pesante


Cosa occorre per decorare il Barattolo che rotola e torna indietro:
Procedimento barattolo
Materiale (alternative):
decorazione 1: colla vinilica o colla a caldo e spago;
decorazione 2: colla vinilica o colla per tessuti, stoffa;
decorazione 3: carta plastificata auto-adesiva (consigliata: Non produce attrito sul pavimento, non inibisce il rotolamento)

1. Fare un foro nel centro della base del barattolo e un buco nel centro del coperchio, utilizzando una vite o un punteruolo.
2. Tagliare l'elastico per infilare il dado.
3. Fare uscire le due estremità dell'elastico dal foro praticato sulla base del barattolo. Fare un nodo piuttosto grande in modo che l'elastico resti bloccato all'esterno del barattolo.
4. Tendere l'elastico e fare uscire il cappio dal foro praticato sul coperchio. Come sopra, annodare l'elastico per fissarlo.
5. La parte di elastico all'interno del barattolo, quella in cui è appeso il dado, deve restare ben tesa.
6. Fissare il coperchio con la colla, decorare a piacere e far rotolare sul pavimento!

barattolo che torna indietro
Il bambino/a spinge il barattolo per farlo rotolare sul pavimento e questo, a un certo punto del suo tragitto, inizierà a rallentare, si fermerà e tornerà indietro.


Fonte:
D. Allasia, V. Montel, G. Rinaudo, Dipartimento di Fisica Sperimentale, Università di Torino “La Fisica in gioco” - sito web http://www.iapht.unito.it/giocattoli








E. L.

Photo Credits: vitazerotre.com (tutti i diritti riservati)


3 commenti:

  1. Carino! È troppo tardi per farglielo a 13 mesi e mezzo?

    RispondiElimina
  2. Carino! È troppo tardi per farglielo a 13 mesi e mezzo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A 13 mesi e mezzo questo gioco non ha più la stessa valenza proposta nell'articolo ma può comunque essere un oggetto che lo diverte e lo intrattiene.

      Elimina

I vostri commenti nutrono il blog!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...