“Alla ricerca di Lillo”, S. Ledesma, La Margherita Edizioni 2015

Libro con gadget

TRAMA: Mino, una piccola volpe, non riesce più a trovare il suo coniglietto di peluche Lillo.
La casa è così piena di mobili e oggetti che Mino non sa proprio da dove cominciare a cercare il morbido amico. Allora si rivolge alla sua mamma per chiederle aiuto e lei gli da una lente magica per facilitarlo nella ricerca.
Pagina dopo pagina, tra gattini, giocattoli, ragnetti e topolini, Mino troverà infine il nascondiglio di Lillo. 
Anche il bambino che ascolta la storia ha con sé una lente magica. Con questo strumento tra le mani sarà di grande aiuto al protagonista.
Giunti all’ultima pagina, entrambi – Mino e bambino lettore – potranno finalmente mettersi a fare la nanna.

Sul taschino posto sul retro della copertina si legge una consegna rivolta al piccolo lettore:

 

“Aiuta Mino la volpe a cercare il suo peluche grazie a questa lente magica e scopri i tanti tesori nascosti nella sua casa…”.

 

L’invito a prendere il gadget nascosto dentro la tasca è irresistibile. La piccola manina si attiva immediatamente per portare allo scoperto una rotonda lente rossa.
La presa è salda sul manico, lo sguardo curioso e attento. L’adulto, intanto, gira la prima pagina del libro e inizia a leggere questa simpatica lettura interattiva.

Alla ricerca di Lillo è una storia scritta e illustrata dalla “geometrica” Sophie Ledesma, un’autrice che spazia dai libri per l’infanzia alla grafica pubblicitaria (tra i suoi clienti vanta grandi aziende quali Vichy, Ikea, Monoprix, …).

Il gadget è ancorato al libro con un cordino, come un segnalibro. Si tratta di una lente magica che rivela ciò che si nasconde dietro le trame rosse poste qua e là all’interno delle pagine.
alla ricerca di lillo
Il racconto, semplice e lineare, fa da contorno al gioco che il bambino intraprende sotto la guida del lettore ad alta voce.
Il libro, dunque, diventa un oggetto che non finisce mai di stupire e di sorprendere. Il bambino, oltre ad ascoltare la narrazione e guardare le immagini, può interagire con il protagonista della storia e “mettersi in azione” per arrivare alla soluzione finale.
Nella prima pagina del racconto il peluche Lillo (il gioco che il bambino dovrà cercare appoggiando la lente su determinati disegni) è suggerito all’interno del fumetto che si trova sopra la testa di Mino.
Il finale è a sorpresa… In realtà Mino non ha davvero perso il suo peluche ma sicuramente lo riabbraccia più pulito e profumato di prima!

Al fondo dell’albo l’autrice propone un semplice gioco di riconoscimento degli oggetti. In questo modo il piccolo lettore-detective potrà continuare ad usare, ancora per un po’, la lente magica.

Alla ricerca di Lillo

 

alla ricerca di lillo
… Ci siamo messi alla ricerca di Lillo!
(Libro letto con un bimbo di 20 mesi)

 

 
Photo Credits: La Margherita edizioni

Libri e letture interattive della casa editrice La Margherita:

Related Post

“Che brutte abitudini,...

Pierino vorrebbe fare tutte quelle cose che non piacciono ai grandi.  Mangiare con il...

“Pappamolla”, S....

Il coniglietto Simone ha fabbricato un razzo altissimo quando all'improvviso la sua...

“Il ciuccio di...

TRAMA: Ogni bambino che usa il ciuccio si trova, prima o poi, ad affrontare la richiesta...

“Caccapupù”, S....

TRAMA: Il piccolo coniglio Simone sa dire solo la parola “Caccapupù” e con...

“Papà!”, P....

TRAMA: “Papà, papà, c’è un mostro nel mio letto!” – grida il...

“Chi me l’ha...

TRAMA: Stava uscendo dalla sua tana quando, una piccola Talpa si trova a fare i conti...

Leave a Comments