“Pino ha perso le parole”, G. Francella, Sinnos, 2017

Se non parla più

TRAMA:
Passano le stagioni e, nel suo silenzio, il piccolo folletto si mette in ascolto dei suoni prodotti dagli altri abitanti del bosco.
Supino sull’erba, con gli occhi chiusi, gioca a indovinare a chi appartiene il verso udito. Ed ecco il ronzare della mosca, il gracchiare del corvo, il sibilare del serpente e il rugliare dell’…ORSO! Pino si accorge che quel grosso animale si trova lì sopra di lui.
Inizia a correre spaventato fino a quando, inaspettatamente, dalla sua bocca spalancata esce un grido talmente frastornante da inibire l’orso. Pino si fa coraggio e gliene dice quattro, ora non ha più paura di lui.Un po’ alla volta spuntano gli altri animali della foresta che si erano nascosti tra gli alberi. Sorpresi dal coraggio mostrato dal folletto si complimentano con lui. Così Pino, oltre alle parole, ha trovato moltissimi nuovi amici!
Pino ha perso le parole” è un illustrato semplice nella grafica ed efficace nel messaggio che propone. I colori della natura primeggiano le scene del racconto, mentre un minuscolo e rotondo folletto conduce i piccoli lettori alla ricerca della fiducia in se stessi.

Questo è il viaggio di Pino, talmente timido da non riuscire a stare con gli altri.

pino perso parole

Il racconto di Gloria Francella facilita la comprensione di alcune tematiche che sostengono lo sviluppo armonioso della personalità.
Un racconto che appoggia l’evoluzione di sentimenti quali l’autostima, la fiducia in se stessi, il coraggio di affrontare situazioni difficili e l’empatia verso l’altro. Una storia, inoltre, che può, attraverso la piacevolezza della narrazione, offrire un canale privilegiato per affrontare specifiche difficoltà che alcuni bambini si trovano a vivere, come deficit fisici o psicologici.
Ad esempio, leggendo e rileggendo l’avventura di Pino, mi torna alla mente una bambina che soffriva di mutismo selettivo (QUI per saperne di più) e che avrebbe potuto rileggersi attraverso i vissuti del folletto.

 

pino perso parole

 

Una storia importante ma buffa, profonda e fanciullesca, che usa un linguaggio affine all’infanzia per descrivere situazioni complesse che riguardano l’emotività.

 

pino parole

 

Anche il testo di questo libro, come altri editi dalla Sinnos, è stampato con la Font LEGGIMIPRIMA,  studiata in collaborazione con l’Università degli Studi di Camerino, per avvicinare gradualmente il piccolo lettore alla lettura e al riconoscimento delle parole.

 

pino perso parole
.
 

Photo Credits: Sinnos Editore, Gloria Francella

 

Related Post

“Che brutte abitudini,...

Pierino vorrebbe fare tutte quelle cose che non piacciono ai grandi.  Mangiare con il...

“Pappamolla”, S....

Il coniglietto Simone ha fabbricato un razzo altissimo quando all'improvviso la sua...

“Il ciuccio di...

TRAMA: Ogni bambino che usa il ciuccio si trova, prima o poi, ad affrontare la richiesta...

“Caccapupù”, S....

TRAMA: Il piccolo coniglio Simone sa dire solo la parola “Caccapupù” e con...

“Papà!”, P....

TRAMA: “Papà, papà, c’è un mostro nel mio letto!” – grida il...

“Chi me l’ha...

TRAMA: Stava uscendo dalla sua tana quando, una piccola Talpa si trova a fare i conti...

Leave a Comments