“Cosa dovrei dire io?”, A. Cascio, S. Olivotti, Sinnos, 2017

Quando ci si prende in giro poi gira!

TRAMA: Nika e le altre scimmiette sono solite a deridersi l’un l’altra mentre giocano fra loro. La scanzonata compagnia si diverte da matti, finché Nika non viene toccata sul personale. Quando le dicono “orecchie a sventola” ci rimane proprio male.
L’elefante Bobo trova Nika triste in riva al lago. Nel tentativo di consolarla le fa notare come le sue orecchie siano decisamente più grosse e sporgenti. “E’ proprio vero!”, pensa la scimmietta… Ma poi, che dentoni ha l’elefante?
Ora e Bobo ad esserci rimasto male. Giunge a consolarlo il castoro Tiki che, come potete immaginare ha dei denti ben peggiori dei suoi. In più… ehi, ha la coda piatta come una focaccia!
Uno dopo l’altro, gli animali della foresta sono coinvolti in questa sorta di “catena della presa in giro” dove alla fine, la patata bollente, inizialmente passata da Nika, ritorna proprio alla povera scimmietta e alle sue orecchie a sventola.
 

Tra le letture dedicate al tema dell’amicizia e dei rapporti fra pari, sicuramente questa è una delle più spassose e significative.

Angela Cascio, l’autrice del racconto, fa centro nelle emozioni e nel linguaggio appartenente a una situazione davvero comune, quella della presa in giro e del conseguente sentimento di dispiacere provato da chi viene offeso.
Intorno al testo ruotano i colorati personaggi, illustrati dal bravissimo Sergio Olivotti, che saltellano, si allungano e si contorcono per simboleggiare al meglio la circolarità della trama.
L’epilogo ritorna ad essere l’inizio della storia, nel momento in cui avevamo visto Nika, la scimmietta protagonista, spiacevolmente offesa.
Un testo scorrevole, piacevole e di facile comprensione, adatto a condurre i bambini a comprendere loro stessi e l’altro.
Un vero e proprio invito a superare lo scherno facile, quello che può ferire. La presa in giro, in questa buffa vicenda, torna indietro come un boomerang proprio a chi l’ha lanciata.

Un racconto dunque che posa preziosi semi sopra un terreno ancora fertile, nel quale il rispetto e la prevenzione al bullismo sono piante che devono necessariamente crescere robuste e vigorose.

Cosa dovrei dire io?” è un albo dal formato maneggevole e fa parte della collana Leggimiprima, libri dedicati alle prime letture nei quali il testo è stampato in stampatello con l’obiettivo diavvicinare i bambini ascoltatori alla lettura diretta.

cosa dovrei dire io

 

cosa dovrei dire io

 

cosa dovrei dire io

 

Photo Credits:  Sinnos

Related Post

“Che brutte abitudini,...

Pierino vorrebbe fare tutte quelle cose che non piacciono ai grandi.  Mangiare con il...

“Pappamolla”, S....

Il coniglietto Simone ha fabbricato un razzo altissimo quando all'improvviso la sua...

“Il ciuccio di...

TRAMA: Ogni bambino che usa il ciuccio si trova, prima o poi, ad affrontare la richiesta...

“Caccapupù”, S....

TRAMA: Il piccolo coniglio Simone sa dire solo la parola “Caccapupù” e con...

“Papà!”, P....

TRAMA: “Papà, papà, c’è un mostro nel mio letto!” – grida il...

“Chi me l’ha...

TRAMA: Stava uscendo dalla sua tana quando, una piccola Talpa si trova a fare i conti...

Leave a Comments