“Melìmelò” E “Robokids”, i libri mischia-storie (EDT-Giralangolo, 2017)

robokidsDi trama in questi libri non ce n’è o forse ce ne sono almeno milleduecentoquarantatre!

Sono i due nuovi “fuoriserie” editi da Giralangolo. Due libri-gioco che permettono di combinare e ricombinare storie o immagini straordinarie.
In entrambi gli albi le pagine sono sezionate in tre parti così da essere sfogliate e associate liberamente, per creare situazioni sempre diverse e sperimentare il piacere di una lettura interattiva.
Il primo dei due, Melìmelò, è il progetto dell’artista giapponese Michio Watanabe dedicato ai piccoli lettori particolarmente creativi e fantasiosi.
I brevi racconti – stampati sulla sinistra – hanno una struttura semplice e ripetuta.
Questa infatti è sempre formata da:

 

  • un esordio, con la descrizione del soggetto;
  • un’azione, accompagnata dalla parola onomatopeica che la caratterizza;
  • un epilogo, dove viene specificato il luogo in cui si svolge l’azione precedentemente descritta (o modificata).
Girando a piacere le alette che formano le pagine, il bambino mescola le tre sezioni del racconto e le tre parti dei soggetti illustrati (testa, corpo, piedi). Attraverso la voce dell’adulto ascolterà storie assurde e situazioni paradossali. Può succedere che, con aria divertita, reagirà con un’esilarante “MACCHE’!” accompagnato dal gesto con la manina raccolta che va su e giù.

Un divertente libro mischia-storie che permette al piccolo lettore di avvicinarsi alla struttura e alla logica del testo narrativo.

 

Il secondo, Robokids, realizzato dall’artista Margot Channing, è sicuramente apprezzato dai piccoli lettori che amano premere tasti, bottoni e congegni meccanici (ne conoscete qualcuno?!).
Dopo una breve descrizione sui robot e sulla loro utilità, le parole svaniscono per lasciare posto ad immagini e a soggetti a dir poco spaziali.
Ingegnosi e futuristici robottini se ne stanno in piedi su qualche lontano pianeta e, come modelli di una sfilata, mostrano ai bambini i loro sorprendenti dettagli.
Sono divisi in tre parti (testa, corpo, piedi) e composti da elementi provenienti dalla meccanica, dalla tecnologia, dalla scienza, dall’informatica e da tanti altri oggetti comuni e della quotidianità.
Uno straordinario mischia-immagini per viaggiare con la fantasia e per creare e ricreare numerose combinazioni di elementi.

 

 


Photo Credits: EDT-Girangolo

 

Related Post

“Che brutte abitudini,...

Pierino vorrebbe fare tutte quelle cose che non piacciono ai grandi.  Mangiare con il...

“Pappamolla”, S....

Il coniglietto Simone ha fabbricato un razzo altissimo quando all'improvviso la sua...

“Il ciuccio di...

TRAMA: Ogni bambino che usa il ciuccio si trova, prima o poi, ad affrontare la richiesta...

“Caccapupù”, S....

TRAMA: Il piccolo coniglio Simone sa dire solo la parola “Caccapupù” e con...

“Papà!”, P....

TRAMA: “Papà, papà, c’è un mostro nel mio letto!” – grida il...

“Chi me l’ha...

TRAMA: Stava uscendo dalla sua tana quando, una piccola Talpa si trova a fare i conti...

Leave a Comments