“Il viaggio di Piedino”, E. Mazzoli, M. Balducci, Bacchilega Junior, 2018

«Una prova riuscita di far convivere due linguaggi visivi differenti, in questo dialogo la parte fotografica risulta la più convincente»

E’ un viaggio straordinario quello di Piedino. E’ un racconto, questo, particolarmente adatto alle prime esperienze di lettura con i bambini molto piccoli.

Il protagonista intraprende “a piede nudo” la scoperta di un mondo a lui molto prossimo. Un vero e proprio universo fatto di curiosi incontri e molteplici sensazioni.
Certo, perché piedino usa i sensi per scoprire tutto ciò che incontra. Si emoziona sia durante il viaggio così come alla fine del libro, quando ritrova un rassicurante “piedone”, quello del suo papà.

“Il viaggio di Piedino” è un interessante progetto tutto italiano, nato dalla collaborazione della scrittrice Elisa Mazzoli e dall’illustratrice Marianna Balducci.

 

viaggio piedino

 

Segno distintivo di questo piccolo albo – vincitore del Premio Nazionale Nati per Leggere 2018 per la sezione Nascere con i Libri 6-18 mesi – è la presenza nelle tavole di due linguaggi visivi differenti, il disegno e la fotografia, qui profondamente connessi per arrivare adeguatamente al piccolissimo lettore. Le immagini fotografate corrispondono al reale, a qualcosa di cui il bambino ha esperienza diretta, le immagini grafiche rappresentano oggetti a lui noti ma che restano ancorati alla sfera narrativa.

Il paffuto piedino protagonista è stato fotografato da un bambino esistente. Le autrici hanno intenzionalmente estrapolato il piedino dal resto del corpo per renderlo un personaggio a tutto tondo.

La tendenza all’animismo del pensiero infantile irrompe nel racconto per stupire il piccolo lettore. La narrazione si avvicina ai giochi di relazione tra adulto e bebè, in particolare all’azione di animare le singole parti del corpo facendole parlare e considerandole a sé stanti.

 

viaggio piedino

 

Nel racconto di Piedino scopriamo dunque che il protagonista appare come “parte” per poi rappresentare invece il “tutto”. Piedino è il bambino intero. E’ il bambino che impara a camminare e che, da quel momento in poi, sconfina dal suo spazio limitato, intenzionato a raggiungere tutti quegli oggetti prima osservati da lontano. E’ il bambino esploratore e sensoriale. Piedino sperimenta sensazioni spiacevoli e piacevoli, esercita la sua abilità motoria, prende confidenza con il mondo sotto lo sguardo attento dell’adulto il quale, alla fine dell’esperienza, lo riaccoglie a sé.

L’autrice racconta la storia di Piedino attraverso un linguaggio diretto, una scrittura che sa approdare senza sforzo nel grandioso universo dei bambini molto piccoli.

 

 

Il viaggio di piedino e gli altri libri vincitori del Premio Nati per Leggere 2018:

 

 

Da poco uscito: Il sogno di Ditino

POTREBBERO ANCHE PIACERTI

“Che brutte abitudini,...

Pierino vorrebbe fare tutte quelle cose che non piacciono ai grandi.  Mangiare con il...

“Pappamolla”, S....

Il coniglietto Simone ha fabbricato un razzo altissimo quando all'improvviso la sua...

“Il ciuccio di...

Ogni bambino che usa il ciuccio si trova, prima o poi, ad affrontare la richiesta dei...

Lascia un commento!