“Quale vuoi?”, Irene Russo, Cristina Petit, ed. Pulce, 2020

Un nuovo albo cartonato dedicato a bambini di 0-2 anni di età

Nuovo inizio. Avevo ormai la sensazione che il mio lavoro non sarebbe più rincominciato. In effetti il settore educativo e scolastico è stato colto da una situazione piuttosto nebbiosa e oggi si trova coinvolto in un tira e molla tra necessità sanitarie e bisogni pedagogici.

Eppure i bambini, all’asilo, sono tornati. Forse non pienamente consapevoli di ciò che è successo al loro mondo durante questi ultimi mesi.
Non è stato facile riconoscere le loro maestre (e i loro maestri). Sono riapparse, a distanza di mesi (un lungo tempo per un bambino piccolo) con i volti celati dai dispositivi di protezione. Eppure, sorprendentemente, succede che a un certo punto abbiano ripreso ad affidarsi, manifestando così la loro capacità di resilienza. Il loro agire e la loro naturalezza hanno davvero trasmesso in tutti la speranza di un ritorno alla normalità.

Quale vuoi?

Se potessimo sapere da loro ciò che davvero desidererebbero…

Forse, se potessero scegliere, vorrebbero tornare a vedere i visi della gente e a non aver paura della vicinanza con le persone.

A riaccogliere i bambini al nido c’è questa semplice storia dedicata ai più piccoli. Si gioca a decidere, interagendo con l’adulto lettore. Si mostra, con un dito, la scelta compiuta.

Quale vuoi?

Quale vuoi?” è il nuovo albo di Irene Russo, allieva di Stefano Bordiglioni presso la scuola “Bottega Finzioni” (in passato ho presentato su Vitazerotre il suo precedente ebook “E se fosse”, ed. De Agostini, selezionato come finalista all’interno di Bologna Children’s Book Fair 2014).

Illustrato da Cristina Petit, ai tempi maestra e blogger di “Maestrapiccola”, oggi autrice di oltre una quarantina di pubblicazioni.
È un albo consigliatissimo per non smettere di leggere ai piccoli anche in questa situazione, anche se al volto abbiamo una mascherina. Una storia particolarmente adeguata ad accompagnare i bimbi alla scoperta della piacevolezza della lettura. Parole e immagini coinvolgono il bambino di uno/due anni in una percorso interattivo e giocoso che ha un epilogo da filastrocca. Buona lettura!

Quale vuoi?

Lascia un commento!