“Bice Speciale. La pecora a strisce”, Miriam Koch, Donzelli editore, 2007

Libri per bambini, sul tema della diversità.

Bice Speciale è un albo illustrato dal formato panoramico che racconta la storia di Bice, una pecora dall’aspetto insolito: ha il pelo a strisce bianche e rosse. Proprio questa particolarità la rende diversa da tutte le altre pecore, ordinarie, dal manto bianco. Si sente sola e fuori luogo. Un giorno avvista una mongolfiera molto simile a lei e per questo decide di seguirla. Bice si ritrova così a percorrere luoghi sconosciuti e a intraprendere un viaggio alla ricerca del suo posto speciale.


Bice Speciale. La pecora a strisce

Il racconto di Miriam Koch si occupa di diversità senza mai descriverla: in nessuna parte del testo si legge cosa rende Bice differente dalle altre sue simili. Eppure i piccoli lettori potranno facilmente intuire il soggetto del libro attraverso i colori che l’autrice di Trier propone nelle sue immagini.
Durante il suo il solitario viaggio, Bice incontra diversi oggetti con i quali ha qualcosa in comune. Nonostante ciò, ognuno di loro, per un motivo o per l’altro, è diverso da lei. Dunque non arriva mai a identificarsi pienamente in un’alterità a lei simile. Il potersi rispecchiare nell’altro per capire se stessa è ciò che vorrebbe provare la piccola Bice ma il suo percorso introspettivo la porterà a comprendere il valore che ha il suo essere unica e diversa.

Bice Speciale. La pecora a strisce

La felicità, dopotutto, non si trova nell’esistenza di qualcuno perfettamente corrispondente a noi, bensì nel fatto di poter sentirsi sereni con chi ci vuole davvero bene.
Al termine della narrazione apparirà uno splendido faro, anche questo ha i suoi stessi colori ed è pronto ad illuminarla.

La storia poetica, scritta e illustrata dalla tedesca Miriam Koch, inizia con una frase di Confucio:

“Ovunque tu vada, vacci con tutto il cuore”.

Bice Speciale. La pecora a strisce

L’idea della storia di Bice (Fiete Anders, nell’originale) è nata nella Frisia Settentrionale (Germania) durante un semestre invernale degli studi di design della comunicazione compiuti dall’autrice. É poi diventato il soggetto della sua tesi di laurea e, in seguito, un libro di successo tradotto in numerose lingue. Dopo il primo albo sono state pubblicate altre due avventure dedicate alla stessa protagonista: Keentied o l’arte di volare nella felicità” e “Bice, un viaggio con il vento“.

La storia di Bice si presta a essere utilizzata come supporto di attività didattiche e di progetti educativi rivolti all’Intercultura e alla diversità. Le illustrazioni, caratterizzate da tratti leggeri e rassicuranti, colori pieni e tonalità equilibrate, diventano un ricordo piacevole per chi, come Bice, è alla ricerca del proprio angolo di felicità.

Photo Credits: Donzelli editore

3COMMENTI

Lascia un commento!