Ancor prima di raggiungere l’ingresso, ci accoglie un piccolo gallo canterino. Ci fermiamo a osservarlo. Subito, a rubargli la scena, arriva un pavone intento a corteggiare una pavonessa. Questa sembra fare di tutto per apparire completamente disinteressata al grande vanto del suo pretendente. Lui, allora, si fa sentire scuotendo le piume ancor più forte come a dire “Guardami!”. La coda del pavone è completamente aperta per mostrarsi in tutta la sua bellezza. Uno spettacolo a dir poco meraviglioso. “Sembra che l’hanno dipinta!” suggerisce mio figlio. Mirando oltre, in quel modesto recinto circondato dal verde della campagna astigiana, si possono osservare molte altre specie di animali. Anatre, galline, paperelle e, anche, tra i cespugli, spuntano i cerbiatti che, con le loro macchie bianche sul manto, si mimetizzano tra i raggi del sole.

parco la rocca valfenera

Un parco per famiglie e bambini

Ho scoperto questo luogo immerso nella natura nel 2017 grazie a dei cari zii che abitano nella zona. Claudio e Fabio erano un po’ più piccoli e già da tempo pensavo di ritornarci. Se vi trovate in zona, in particolare tra la provincia di Asti e quella sud torinese, vi consiglio vivamente di passarci e di portarci i vostri bambini. È proprio uno di quei luoghi che non ci s’immagina di avere dietro casa.

Il Parco è attrezzato con area giochi (c’è anche la funicolare!), zona per picnic con tavoli a disposizione, fontane con acqua potabile, bagni e raccolta differenziata dei rifiuti. Sono presenti strutture che accolgono iniziative didattiche delle scuole di zona. Sono stati proprio loro, i piccoli studenti, a essere chiamati nel 2000 per esprimere idee in merito al progetto che ha previsto la realizzazione di quell’oasi. Attraverso il Progetto Rocca, che ha coinvolto in maniera partecipata la scuola, l’amministrazione municipale, l’associazione La Rocca e il territorio, si è voluto recuperare quel gerbido, un’area incolta di proprietà comunale.

Nel ventennio trascorso dalla sua progettazione, questo piccolo paradiso continua a essere accudito dai volontari dell’Associazione La Rocca. Sono loro che si occupano anche della cura degli animali. L’accesso è libero a tutti con una sola grande e importante richiesta (mi raccomando!): che si rispetti la natura e gli animali.

Ancor prima di raggiungere l’ingresso, s’incontrano gli abitanti della riserva. Una grande collina recintata è popolata da cervi, caprioli, pavoni, pavonesse, capre, oche, anatre e galline e, negli stagni, da pesci e rane. La parte sollevata è circondata dal un bosco che si estende su un territorio di 30 mila metri quadrati. Questo si apre a diversi sentieri che invitano gli esploratori della natura a percorrerli.

Comune di Valfenera - Parco La Rocca

Come arrivare al Parco La Rocca

Il Parco La Rocca si trova nel comune di Valfenera nella provincia d’Asti, una zona del Piemonte tradizionalmente agricola. Nel periodo della Festa patronale di San Bartolomeo, il comune accoglie la Fiera dell’aglio e del pitu (tacchino) e la rassegna della razza bovina piemontese.

L’ingresso del parco si trova in Via S. Sebastiano, 7A. Il percorso termina in un sentiero in salita che raggiunge la Casetta dell’Acqua. Questa è l’uscita, spesso confusa per l’entrata. Per intenderci, siete arrivati all’ingresso se trovate un piazzale sterrato per parcheggiare l’auto e vedete il recinto con i galli e i pavoni.

Booking.com

Come equipaggiarsi?

Il Parco della Rocca è un’ottima meta sia per una gita fuori porta, sia per trascorrere qualche ora in mezzo ai suoni e ai colori della natura, sia per passarci un’intera giornata, pranzando al sacco e, magari, sdraiandosi su una coperta all’ombra di un albero, sia per organizzare passeggiate ed escursioni tra i boschi.

I sentieri non sono impervi, se non si hanno le scarpe da trekking, è sufficiente indossare un paio di scarpe da ginnastica. Consiglio di portarsi una buona scorta di contenitori per l’acqua, anche vuoti, poiché, come ho detto prima, sono presenti fontane e c’è anche la Casetta dell’Acqua (5 cent./litro). Mi raccomando ancora e ancora, non buttate nulla per terra! Ma questo vale ovunque.

Vieni a scoprire il Parco La Rocca insieme a me in questo video su Youtube.